• Miniere Sonore 2018

    XI Edizione

  • Domenica 26 Agosto 2018

    Ore 23

  • Hospitalis Sancti Antoni

    Oristano, Sardegna

  • PERFORMANCE INTERDISCIPLINARE


  • LRM Performance - Locus (Spagna, Cina)

    Berta Delgado Fernández : Interdisciplinary – Top honcho
    David Aladro-VIco : Interdisciplinary – Top honcho
    Zhi-han Chen : Movement (Top honcho neophyte)

Kowloon

IT

Performance interdisciplinare astratta di 50 minuti eseguita da tre artisti, liberamente ispirato alla cultura visiva di Hong Kong, con pezzi di Gordon Matta-Clark ed estratti dei films di Tsai Ming-Liang e molte altre influenze. Una proiezione continua di movimento e suono con 22 scene di performance, installazioni, proiezioni analogiche e arte sonora live e registrata. Non sono presenti testi e voci. Il titolo è una chiara allusione alla città murata di Kowloon di Hong Kong, che fu abbattuta nel 1996 ed ora al suo posto ha sede il Kowloon Walled City park. LRM Locus non si focalizza sull’arte concettuale o narrativa, non è quindi presente nessuna parte descrittiva della storia della Walled City.

“Il nostro lavoro cerca emozioni non mediate, evita espressamente la narrazione evitando qualsiasi concetto.

Qualsiasi città murata delle immagini di Kowloon è intrisa di una varietà di note musicali tradizionali e  contemporanee, visual, danza e movimento, architettura, scienza.

Poiché il nostro processo creativo ed i suoi risultati sono intenzionalmente non concettuali, le influenze, il titolo o le sue associazioni sono riferimenti da non prendere alla lettera.

Sottolineiamo il diritto dello spettatore ad una libera interpretazione, un qualcosa secondo noi che alcune arti concettuali e narrative impediscono. Per questo motivo, se lo spettatore avrà una personale interpretazione del nostro lavoro, sarà un piacere per noi conoscere il suo punto di vista e gli eventuali riferimenti o citazioni trovate. Maggiori interpretazioni riceveremo da parte del nostro pubblico, maggiore sarà la nostra soddisfazione.” – LRM Locus, 2015

EN

A 50 min abstract interdisciplinary piece for three performers loosely based on Hong Kong visual culture, Gordon Matta-Clark pieces or Tsai Ming-Liang films among many other influences. A visual, movement and sound continuum of 22 scenes of performing, installations, analog projections and live and recorded sound art. No text nor voice is employed. The title is an allusion to Hong Kong’s Walled city of Kowloon, which was torn down in 1996 and is now the Kowloon Walled City park.  LRM Locus are not interested in conceptual nor narrative art anymore, so  the piece is not relating nor depicting the Walled City story. Our work seeks for unmediated emotions, therefore expressly avoiding narration by including as many influences as possible, carefully assembled to generate emotions avoiding any thread or concept . So any Walled city of Kowloon’s imagery is entangled with a manifold of traditional and contemporary musical, visual, dance and movement sources, architecture and constructions or sciences. Since our creative procedure and its results are intendedly non-conceptual, the influences, title or its associations are just a reference –or necesity, never to be taken literally. We do put a stress on respecting the viewer’s right to a free interpretation —which is something we believe some conceptual and narrative arts prevent. Thus if someone has an interpretation of the piece in her or his own way, pointing out references or even quotes in it, it’s welcome to do so (as long as they respect other viewers’ interpretations). For the more the interpretations from our viewers differ from one another, the more satisfied we are”. – LRM Locus, 2015

Foto :  Berta Delgado